Juke Box: Don't look back in anger (Oasis)


Come già sapete, è una delle mie canzoni preferite, non solo dei fantastici anni '90. Le note di "Don't look back in anger" degli Oasis mi riportano immediatamente nel 1996, anno per me particolarmente felice, quello in cui ho effettivamente abbandonato la mia infanzia per entrare nell'adolescenza, tredicenne, archiviando in soffitta e cantina i tanti giocattoli che avevano accompagnato ore e ore della mia vita e grazie ai quali avevo scatenato la mia fantasia, inventando storie e avventure.

"Non portare rancore", è la traduzione del titolo della canzone, un brano molto evocativo, dal significato criptico, che si dice sia stato scritto da Noel Gallagher dopo aver assunto degli stupefacenti. "Non guardati indietro con rabbia, anzi con la nostalgia": il tredicenne di allora abbandonava per sempre gli amati Lego e i giocattoli, ma anche gli amici di infanzia, per iniziare una fase nuova della sua vita.



Un anno fa vi parlai di un video calcistico con questa splendida canzone: guarda QUI

Commenti

  1. La nostalgia è la memoria che accompagna la nostra crescite.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un'arma a doppio taglio la nostalgia, ma è vero che ciò che evidenzi: quello è un aspetto positivo.

      Elimina
  2. Questa piaceva pure anche a me :) Molto "Beatlesiana"

    RispondiElimina
  3. Se penso che oggi è tuo nipote ad avere quell'età... ma a quanto pare ancora non ha nessuna intenzione di mollare i Lego! :D Gli farò ascoltare la canzone comunque!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero! Oramai è tempo anche per lui di cambiare 😁. Dopo il coprifuoco però!

      Elimina
    2. Ma quale cambiare! Oggi un ragazzino così vale più dell'oro!

      Elimina
  4. Forse la mia preferita degli Oasis, anche per me ha riguardato un periodo particolare.
    Di cui comunque ho nostalgia lo stesso :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io la collego anche all'estate del 1996, una bella estate: la rimpiangerò, quest'anno, mi sa :D

      Elimina
  5. Un po' come certi poeti che assumevano oppiacei e poi scrivevano liriche meravigliose...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. De André ha scritto uno dei pezzi più belli della sua produzione cantautoriale, Amico Fragile, ubriaco :D

      Elimina
  6. Questa te l’avevo già commentata.
    È un inno generazionale.
    Peccato che gli Oasis come i Blur si siano un po’ persi per strada o sciolti per stupide litigate in famigla..
    Ma Riky si scrive senza la C?
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, infatti ho linkato anche il vecchio post!
      Riky l'ho sempre scritto così, mia mamma lo scrive invece così: Richi :)

      Elimina
  7. Veramente una bellissima canzone!

    RispondiElimina
  8. Ma siamo sicuri che tu abbia abbandonato del tutto i Lego? Perché continui a regalarli a Matteo e mi pare che non ti dispiaccia giocare con lui.
    Sarà solo una scusa? 🤣🤣😜

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, vero: i Lego me li sono gustati con mio nipote, eccome :D. Però io da bambino ero più metodico, una volta costruito il Lego, si giocava mantenendone l'integrità. Lui è della maggioranza che preferisce smontare e ricostruire :)

      Elimina
  9. Io ho sempre preferito "Look back in anger" di Bowie!

    RispondiElimina
  10. Ma tu a 13 anni lo capivi l'inglese? Per me, almeno quello cantato, era arabo!
    Non amo gli Oasis, come i Red Hot hanno quei ritornelli troppo a cantilena che non sopporto. Però questo resta un gran pezzo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio a 13 anni qualche parola, qualche frase :)Ovviamente la lettura del testo è fatta oggi, a posteriori! :)

      Elimina

Posta un commento