Poetando di Claudio D'Aleo: "Alcamo Marina" e "Tourbillon"


Alcamo Marina

 

Ti scorgo da lontano

scendendo la via

Golfo baciato dal sole

che diventi poesia

 

Desideri e ricordi

si mescolano alla realtà

tutto di te

invoca beltà

 

Mare d’agosto

luna d’estate

imponi all’amore

soste agognate

 

Il rosso dei tanti tramonti

poggiati sul mare

 

quel cielo stellato

che fa battere i cuori

 

è così che ho imparato ad amare

 

quel che la vita

m’ha voluto donare

 

CD



Tourbillon

 

Aliti caldi s’incrociano

al cospetto d’un sogno

che si contorce

e si compiace

 

Non basta un respiro

sbagliato

 

uno sguardo

reso vano da un gesto

per condurmi lontano

da te

 

Cuori distesi

l’un sull’altro 

si cullano

 

Nella pace della sera

tra stelle

e infinito

non esistiamo

che noi

 

CD


Commenti

  1. Risposte
    1. Fantastico è il tuo "ritorno" caro Gus! Grazie per il commento!

      Elimina
  2. Claudio, nei miei pensieri non sei andato mai via. Si trattava di capire la situazione nuova
    dopo l'abbandono di Riky.

    La mia concezione del blog è il relazionarsi. Ora non esiste più.

    RispondiElimina
  3. Cari Gus e Riky siete persone speciali e le persone speciali devono relazionarsi anche attraversando momenti di asperità talvolta necessari per crescere e capirsi senza mai pero' perdersi di vista. Il dialogo costruttivo privo di orgoglio e presunzione è e rimane per tutti noi l unica medicina possibile e plausibile. Non c è nulla di irrisolvibile nella vita, nulla. E ve lo dice uno a cui la vita ha tolto per sempre la vita stessa. Non perdetevi. Mai. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Claudio.. continuo a preferirti in prosa.. e caspita sarebbe il caso che lo apri proprio un blog. Suggerisco Il poetamilanista. E daje!

      Elimina
    2. se Claudio vuole aprire un blog suo, lo aiuto io per la parte online :D

      Elimina
    3. Ce lo meriteremmo tutti un blog di Claudio! :)

      Elimina
  4. Per Riccardo: semplice e pulito il nuovo template!

    Per Claudio: belle entrambe ma la seconda di più, soprattutto questi ultimi versi:
    "Nella pace della sera

    tra stelle

    e infinito

    non esistiamo

    che noi".
    Incantevoli. Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me ha colpito molto la parte finale della prima poesia.
      Perché è l'amore che ha reso più belli i cieli stellati e i rossi tramonti :)

      Elimina

Posta un commento

Non ti sentire in dovere di commentare: ti ringrazio per essere qui a leggere, per spendere il tuo tempo qui, in questo piccolissimo spazio del web