Juke Boxe: Il tema del soldato eterno degli aironi di Roberto Vecchioni


"Il tema del soldato eterno e degli aironi" è una delle mie canzoni preferite. Uscita nel disco del 1991 "Per amore mio", il brano di Roberto Vecchioni parla della guerra dal punto di vista di un soldato generico, poeticamente definito eterno. Soldati che hanno preso parte alla battaglia di Maratona, a Waterloo...pedine di un gioco al massacro fatto per smania di potere o di ricchezze. Guerre senza senso, d'altra parte il traditore viene perdonato e chi non tradisce finisce fucilato. Il soldato, per quanto si sforzi, non riesce a capire il senso della guerra, come gli aironi (ma tutti gli esseri umani) non riescono a comprendere il cielo, che diventa simbolo dell'esistenza, del trascendente, di ciò che va oltre la vita terrena.  C'è però un'ancora di salvezza: la donna. Il soldato si aggrappa disperatamente alla vita, pensando alla donna, alla sua bellezza e alle sue virtù d'animo. Non tutti i soldati hanno una donna in attesa, a casa: "amore, amore è inutile, io ti ho inventata e non ci sei", canta con amara consapevolezza il soldato eterno. Ma il solo pensiero della donna infonde un po' di coraggio e speranza.


Commenti

  1. Una ballata amara, che vede consapevolmente l'uomo trucidarsi in guerre e odio, e l'amore solo una illusione lontana e inesistente, spesso inventata. Potrebbe amare ed essere amato l'uomo, invece odia, fa la guerra (e badate bene ci sono milioni di piccole guerre, al fronte come su facebook) e la serenità se la può solo sognare. Un'auto condanna per la vita, una denuncia alle idiote impuntature, all'odio da cortile, all'incapacità di vivere sereni e felici.
    Quanto siamo siocchi. E Vecchioni ce lo sottolinea, con grazia e armonia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, metaforicamente può anche descrivere in modo efficace la società d'oggi. Anche con le fucilazioni, che sui social vanno di moda.

      Elimina
    2. Esatto. Al muro senza diritto di replica.. ahahah

      Elimina
    3. E' un'ottima lettura comunque la tua, non avevo pensato in fondo alla metafora della vita.

      Elimina
  2. Vecchioni non passa mai inosservato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un grande.
      Buon Juventus Milan per questa sera, peccato non potervi affrontare con Calabria e con uno tra Ibra e Giroud disponibile!

      Elimina
    2. La solita sfortuna..ma quest'anno il gruppo mi sembra ricco di risorse e talenti! Florenzi potrebbe tornare a fare il terzino.. comunque meglio ora queste partite, che dopo..

      Elimina
    3. Una sfortuna che un po' ci andiamo a cercare, in realtà :D. Messias come mai non è ancora pronto? Meglio Tomori come finto terzino destro e Florenzi come cambio del belga a destra.

      Elimina
    4. Guarda tu se debutta Pellegri alla fine... certo Saele ha speso molto..vediamo, c'è pure Kalulu ..

      Elimina
    5. Come non detto, alla fine sarebbe stato meglio Tomori centrale e Kalulu a destra, fin da subito!

      Elimina
  3. Forse in guerra resiste meglio proprio chi ha il pensiero di qualcuno a casa che l'aspetta. E chi questo qualcuno deve solo inventarlo, lo fa per riuscire a sopravvivere.
    Un tema molto amaro quello di questa canzone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non dovrebbe esistere una guerra, per poter inventare un amore.
      Meglio un amore che esiste, ed una guerra in fantasia.

      Elimina
    2. Beh invece è un pensiero molto suggestivo..chi si trovava in guerra, al fronte, aveva bisogno di pensieri importanti per poter sopravvivere alla tensione, ancor prima che alle pallottole..

      Elimina
  4. Vecchioni! Un mito sempre attuale!

    RispondiElimina
  5. Che mito Vecchioni! Ho avuto il piacere di conoscerlo ed essere un suo studente... è troppo avanti! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho intervistato. Mi ricordo che gli strappai una risata quando gli citai una canzone che amo, ma che è sconosciuta :)

      Elimina
  6. Mi hai fatto scoprire una canzone "nuova" e davvero molto profonda.
    Mia nonna mi raccontava la storia di ragazze che scrivevano lettere d'amore ai ragazzi al fronte, perfettamente sconosciuti ma solo per sostenerli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una canzone bellissima...io adoro questo disco :)

      Elimina
  7. Non conoscevo questa canzone, Vecchioni ha creato canzoni con bellissimi testi e parole. Molto profonda questa ballata, anche se davvero amara. La guerra porta sempre con se dell'amarezza - spesso in tutti i casi, se si perde sicuramente, ma troppo spesso anche quando si vince. Bel post. Un saluto, buon lunedì, migliore continuazione di settimana e sereno mese di ottobre appena iniziato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille, intanto buona settimana e buon mese di ottobre a te :)
      Sì, è una canzone amara, ma purtroppo molto realista. Anche nel caso in cui volesso applicarla come metafora della vita!

      Elimina

Posta un commento

Non ti sentire in dovere di commentare: ti ringrazio per essere qui a leggere, per spendere il tuo tempo qui, in questo piccolissimo spazio del web