Poetando: Primavera e Ciò che vorrei adesso (di Claudio D'Aleo)


Primavera

 

I prati si colorano

di rosso e di giallo

 

Tutt’attorno gli ulivi

guardano

al cielo

 

Sapori e odori

di primavera

si rincorrono

tra i trascorsi

e le distese

d’un passato

che ritorna

 

E tu sei lì

 

Mi parli di te

 

Seduta tra i cespugli

ti offri alle carezze

del vento

immaginando l’amore

 

CD


Ciò che vorrei adesso

 

Quello che più mi manca

di te

è quello che nessun’altra

può darmi

 

è ciò che si sogna

la notte

e ti illudi

di carezzare al mattino

 

è l’ascoltare seduto in riva

al mare

ciò che il cuore ha da dirti

perso in quella schiuma

che gioca a nasconderti

a me

 

Vorrei cullarmi 

su quei sospiri e quei

paesaggi

che diventano

musica se lambiti

dal danzar della brezza

 

Starei ore e ore

ad ascoltare la tua voce

misteriosa e calda

al contempo

con cui t’agiti in me

 

Vorrei che mi pensassi

come io ti penso

 

mentre non so

dove sei

e il tempo

scivola piano

avvinghiato al rimorso

 

CD

 

 

 


Commenti

  1. Se è rimorso hai fatto in modo che accadesse..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E forse è meglio un rimorso che un rimpianto :)

      Elimina
  2. Gli odori di primavera per me sanno di passato e malinconia. Il perché non me lo so spiegare, ma ogni anno è così.
    È pazzesco, in questo periodo dell'anno, appena sento certi profumi, appena vedo certe sfumature di cielo...torno ad un momento indefinito della mia vita in cui mi sembra di riguardarmi allo specchio e di vedermi com'ero (e mi guardo con tanta tenerezza).
    Mi parlo di me :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece adoro la primavera...sentire l'aria più morbida, vedere il giardino ricolorarsi...per me passato e malinconia sono più legati ai primi giorni caldi, quelli di metà-fine maggio, e allora lì la mente va al periodo della scuola, quando il primo caldo significava fine della scuola e inizio delle belle giornate estive, trascorse in relax...

      Elimina
  3. Sembra che l'amore sia in ritardo, come la primavera quest'anno.

    Ciao Claudio, sempre malinconiche le tue poesie...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dalle mie parti la primavera è stata molto in ritardo...e l'amore si fa aspettare molto :)

      Elimina
  4. Quello che manca di una persona è sempre quel non poter ritrovare quello che ci legava ad essa con altre persone. I rapporti sono unici, nel bene e nel male. Quindi non replicabili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo. Ogni connessione che creiamo con gli altri è speciale e unica. Nel rapporto amoroso, è una connessione ancor più speciale. E quando si spezza, si fa sentire di più, rispetto a quando si interrompe un rapporto "normale" di conoscenza.

      Elimina
  5. Ragazzi grazie infinite per avermi letto anche stavolta! In generale, caro Franco, in amore non esistono regole scritte ma interi "trattati", direi, frutto di emozioni e percorsi interiori talmente impervi e tortuosi da scoraggiare chiunque a capirci qualcosa. Facile illudersi o illudere, facile dare ascolto alla "carne" piuttosto che al cuore, facile tutto questo tanto quanto sbagliare perchè gli errori, più o meno gravi, più o meno voluti che si possono commettere strada facendo sono davvero alla portata di tutti. Quello che conta è rendersene conto, entrare in alchimia con le proprie emozioni e se il caso chiedere scusa, prima a chi si ama e poi a noi stessi. Le poesie, cara Lory, sono spesso timbrate dal dolore ed è normale che tutto scivoli nella malinconia, nella nostalgia, nel ricordo di ciò che è stato e non è più. Quando ami una persona, cara Dama bianca, la ami nella sua totalità ed interezza e quando tutto finisce "fisicamente" ma non "emotivamente" di quella persona ti manca tutto ed è come se avessi perso una parte basilare di te. La primavera, Paola, s'accompagna sempre a profumi delicati e al risveglio dei sensi ed è come se in nostro prato interiore fino a quel momento ricco solo di erbacce e rami secchi si colorasse d'incanto d'una nuova vita coi tenori propri della primavera, quel rosso e quel giallo che diventano corpo e sostanza dei nostri ricordi e della nostra grande voglia d'amare e d'essere amati, di dare e ricevere amore. Guardarsi dentro è sempre importante, ci rende competitivi verso noi stessi e verso il prossimo. Ci prepara alle novità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te amico mio...Due bellissime poesie e una bella riflessione sulla primavera, che a me suscita sempre sensazioni positive e di fiducia...Speriamo che sia così anche per questi mesi, dopo la lunga emergenza...

      Elimina

Posta un commento

Non ti sentire in dovere di commentare: ti ringrazio per essere qui a leggere, per spendere il tuo tempo qui, in questo piccolissimo spazio del web