Poetando (di Claudio D'Aleo): Petali smarriti e passi incerti



Petali smarriti

 

Colori e paesaggi

s’ inchinano

al torpore dei venti

 

Mentre guardo

ti carezzo  la pelle

 

Ascolto il sospiro dei prati

 

Prendo per mano

ogni sogno

 

quei pochi rimasti

 

La pioggia

cancella

le illusioni

 

il desiderio d’amare

e d’essere amato

 

CD

Passi incerti

 

Foglie gialle

unte dal tempo

sui tuoi passi

tutt’attorno al Viale

alberato

 

d’inverno adorne

sul lento divenire

 

tra dune e dossi

 

piogge lontane

 

e un crepuscolo

che invoca amore

 

ora candore

 

griffato dal vento

 

su neve sbiadita

 

CD


Commenti

  1. il desiderio d’amare

    e d’essere amato

    E' la caratteristica dell'uomo, fin dalla nascita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo Gus. Senza l'amore e senza il desiderio d'amare e di essere amati siamo bottiglie vuote.

      Elimina
  2. Amare e essere amato, illusioni che pervaderanno sempre i cuori che pulsano, fino a rendersi reali. Come un amore griffato dal vento, un giorno non invocherai invano..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto bello il verso della pioggia che cancella l'illusione..di essere amati.

      Elimina
  3. Mi piace questo paesaggio invernale con la sua decadenza di dolori e di sensazioni. Bravo Claudio, come sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *colori, non dolori.
      Sorry :D

      Elimina
    2. Sai che petali smarriti l'avevo più "datata" in primavera? Adesso chiedo a Claudio se c'è una collocazione temporale :)

      Elimina
  4. Sono illusioni essenziali, senza non saremmo umani. Bellissime poesie.

    RispondiElimina
  5. Risposte
    1. Grande Cav! Ti ringrazio a nome dell'amico Claudio :)

      Elimina
  6. Ciao Riky, ciao ragazzi....Sono sempre più contento di questo interessante e costruttivo movimento d'opinioni che si genera, si miscela e ci coinvolge a ridosso delle mie poesie. Tutto ciò è molto suggestivo e mi è di grande aiuto. Quanto a te, mitico Riky, rispondo che nel mio immaginario poetico, sempre in fermento, i "petali di rose", così come le gocce di rugiada o di pioggia o le lacrime, non hanno collocazione nè cronologica nè temporale perchè frutto delle emozioni del momento che nascono in alchimia non solo con le vicissitudini quotidiane o con i dettami degli avamposti del passato, ma anche con la bellezza del Creato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh infatti petali di rose mi piaceva più pensarla estranea a un rigido contesto temporale..diversamente da passi incerti.

      Elimina
  7. Marilena.lore57@gmail.con
    In ‘Petali smarriti ‘ mi piace tanto ciò che viene evidenziato dall’Autore, ossia il desiderio di amare e di essere corrisposti. Un bisogno del genere umano, animale. Nessuno si vuole sottrarre a soddisfare questo bisogno! Vedere migliorare le nostre relazioni affettive è un augurio che voglio fare a tutti.

    RispondiElimina

Posta un commento

Non ti sentire in dovere di commentare: ti ringrazio per essere qui a leggere, per spendere il tuo tempo qui, in questo piccolissimo spazio del web