Inchiostro simpatico (di Bonigol)


Inchiostro simpatico (di Bonigol)


Nello specchio

guardo il disegno che hai fatto.

I tratti indefiniti,

quelli marcati,

le imperfezioni che il tempo si diverte ad aggiungere

dopo che gli hai porto il pennello.

Mi volto e guardo il disegno che sei:

bambina, donna e di nuovo bambina.

Sempre uguale.

Pennarello indelebile per i tratti esterni.

Inchiostro simpatico per ricordi e cellule nervose.

Te ne vai da me a piccoli passi

mentre la scia si dissolve.

Forse uno stormo di uccellini ha mangiato le briciole

e nell'oscurità del bosco

non riconosci la strada di casa.

Non sei ancora un foglio bianco.

Non sarai mai un foglio bianco.

L'affetto trattiene il passato.

L'affetto è carta assorbente.

Me ne sono andato ma ci sono sempre stato.

Ti allontani ma ci sarai sempre.


alla mia mamma, Enrico   


Commenti

  1. E' di una dolcezza unica ed incantevole. Complimenti.
    Ho amato tanto questo pezzo:
    "Te ne vai da me a piccoli passi
    mentre la scia si dissolve."
    Auguri a tutte le mamme, colonne portanti delle nostre famiglie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo...quando l'ho vista pubblicata dall'amico Bonigol, sulla sua pagina Facebook, gliel'ho "presa" immediatamente :).
      E' troppo bella questa poesia...grazie per avere apprezzato :)

      Elimina

Posta un commento

Non ti sentire in dovere di commentare: ti ringrazio per essere qui a leggere, per spendere il tuo tempo qui, in questo piccolissimo spazio del web