Poetando (di Claudio D'Aleo): La mano e traccia


La mano 

 

Di seguito al levigar

dell’acque

 

tra i sassi

 

nel divenir di tanti

campi fioriti

rubati ai chiaroscuri

della sera

 

attendi un battito

d’ali

che squarci il silenzio

dell’Alba

 

la sua mano sulla tua

posa

 

stanca

 

Vogliosa di pace

al tatto

ti cerca

 

Come pelle

candida

che sa di velluto

s’adagia

 

CD

 

Traccia

 

Sabbia su sabbia

passo dopo passo

tramonto su alba

 

All’orizzonte

 

Sull’ onde azzurre

dei suoi occhi

 

In quel bagnasciuga

infinito

dipinto su tela

che s’agita

sul suo respiro

lento

 

CD


Commenti

  1. Le due poesie sono un incanto. Mi piace leggerle, mi fa sentire meglio.

    RispondiElimina
  2. Grazie Gus! Le tue opinioni sono graditissime! Sono felice di incontrare il Tuo consenso. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  3. Le mani che si uniscono per farsi forza in un momento difficile..bellissimi versi, amico mio

    RispondiElimina

Posta un commento

Non ti sentire in dovere di commentare: ti ringrazio per essere qui a leggere, per spendere il tuo tempo qui, in questo piccolissimo spazio del web